Pallanuoto A1/F: grande vittoria Css su Bogliasco, salvezza ad un passo


Torna alla vittoria la Css, che riesce a congedarsi dal proprio pubblico regalandogli un’altra gioia. La vittima stavolta è il Bogliasco Bene 1951, al termine di una partita in cui la formazione scaligera va sopra di tre reti, rischia la rimonta, ma la spunta sul rettilineo d’arrivo chiudendo sull’8-7 (parziali 3-2, 1-1, 2-1, 2-3).

IL MATCH. Nella prima parte di gara le padrone di casa si lasciano preferire, soprattutto per la capacità di neutralizzare gli attacchi liguri. Il vantaggio momentaneo del Bogliasco viene ribaltato da un fendente preciso di Perna a fil di palo, da una conclusione di Verzini e da un pallonetto delizioso di Bartolini. Alla squadra ospite viene concesso pochissimo, mentre la Css sciupa altre due nitide occasioni. Sul 4-2, con una botta di Perna che prima sbatte sul palo, Zaccaria comincia a ruotare le giocatrici. Millo la mette da lontano, ma sugli scudi è ancora la difesa gialloblù, in grado di sventare anche una doppia inferiorità.

La ripresa è ancora targata da una Perna in gran giornata e dall’insidioso mancino di Borg che finisce in rete sul secondo palo. Maggi è al posto giusto per mettere in porta dopo una fantastica parata di Nigro, ma Css va ancora sul più tre con Alogbo la quale, non si sa come, riesce a farla passare. Poi però Verona ha un passaggio a vuoto, subisce due reti praticamente in fotocopia da Cuzzupè e pure il pareggio di Millo in superiorità. Le ospiti fiutano il colpaccio, ma si devono inginocchiare alla prodezza di Bartolini, che con la pressione del tempo sul groppone pesca la giocata da distante.

Contro Bogliasco è arrivata una grande tripletta per Veronica Perna (New Art Photo)

Contro Bogliasco grande tripletta
per Veronica Perna (New Art Photo)

I COMMENTI. «È stata una partita difficile – le parole a caldo di mister Zaccaria – contro una squadra che le ha cercate tutte in una partita in cui gli arbitri hanno fischiato molto. Le ragazze sono state brave in avvio, ma soprattutto nel corso dell’incontro, venendo fuori da un momento in cui lo scoraggiamento poteva prendere il sopravvento».

Continua il tecnico di Verona: «Il mio pensiero sul 7-7? Ho pensato solo che potessimo ancora riordinare le idee per provare a spuntarla. Tutto sommato anche il pareggio poteva andarci bene, ma meglio sia finita così. E adesso aspettiamo che si completi il turno e poi andremo a Catania per chiudere contro l’Orizzonte».

IL PUNTO. La vittoria consente alla Css di issarsi momentaneamente al settimo posto in classifica, sopravanzando anche le odierne avversarie. L’aritmetica certezza di permanenza in A1 ancora non c’è, me le combinazioni possibili si riducono sempre più ed il traguardo sembra vicino.

Css Verona - Bogliasco Bene 1951

8-7

PARZIALI:

3-2,  1-1,  2-1,  2-3

Css Verona: Nigro,Mattioni C.; Bartolini 2, Peroni, Sbruzzi, Borg 1, Alogbo 1, Braga, Perna 3, Carotenuto, Prandini, Verzini 1, Mattioni S.. All. Zaccaria
Bogliasco Bene 1951:
Malara, Falconi; Cocchiere, Zerbone, Cuzzupè 2, Santinelli, Millo 1, Maggi 1, Rogondino 1, Bettini 2, Rambaldi, Rayner, Mauceri. All. Sinatra
Arbitri:
Scillato, Braghini
Superiorità numeriche:
Verona 4/10; Bogliasco 3/12 + un rigore fallito
Note:
uscite per limite di falli Braga (V) e Rambaldi (B) nel quarto tempo; nel terzo tempo Nigro (V) para rigore a Millo (B); spettatori 150 circa